Eventi Cultura e Spettacoli

Inaugurazione lunedì 10 agosto della installazione fotografica "Istantanee della Memoria-capitolo secondo-Le arti e i mestieri"

Ad oltre un anno dalla prima installazione (ancora visibile in via La Marmora nei pressi della Cattedrale di San Pietro) che con una serie di scatti fotografici che dai primi anni del secolo scorso fino ai tempi nostri raccontavano “Lu Carrasciali Timpiesu”, lunedì 10 agosto 2020 alle ore 19 verrà inaugurato il secondo capitolo di Istantanee della Memoria, esposizione fotografica che, per capitoli, racconta la storia recente, gli usi e i costumi degli abitanti della Città di Pietra.

Convinti che l’identità di un luogo è caratterizzata dall’insieme delle sue unicità, da chi vi è nato, da chi lo abita o in quel luogo vi esercita la propria professione, nonostante il difficile periodo che tutti abbiamo vissuto e stiamo ancora vivendo, il Comune di Tempio ha fortemente voluto che il progetto potesse giungere a questo nuovo capitolo, che si spera non sia l’ultimo.


La narrazione si compone da 25 pannelli “racconta” le Arti e i Mestieri praticati in città a partire dai primi anni del ‘900. Le immagini che si susseguono apparentemente senza soluzione di continuità, fissano istanti, situazioni e volti di chi quelle arti e quei mestieri li ha praticati, spesso con abnegazione e sicuramente con sacrificio.
Le pareti degli austeri palazzotti in granito fanno da quinta ad un percorso che parte da via Cesare Battisti (angolo via Roma) e attraverso Piazza De Andrè e via Vittorio Veneto, si conclude poco prima di Piazza Don Minzoni. Vie che fino a qualche decennio fa pululavano di attività artigianali e commerciali che via via hanno chiuso i battenti, ma che da qualche tempo, grazie anche alla decisione di farle diventare aree pedonali, stanno con timidezza tornando ad essere cuore pulsante della città.


Ideatore e curatore dell’esposizione è Marco Ladu, fotografo amatoriale e le immagini che narrano questa storia sono state messe a disposizione principalmente da Vittorio Ruggero prezioso custode di un vasto archivio fotografico sulla storia di Tempio Pausania e dei suoi abitanti. Alla post produzione ha collaborato Matteo Ladu. Ai testi, curati da Mario Pirrigheddu e dallo stesso Marco Ladu, hanno collaborato Elizabeth Vargiu per la traduzione in lingua inglese e Gianfranco Garrucciu che sapientemente e preziosamente li ha riscritti in lingua gallurese.

Organica, percorsi del contemporaneo tra arte e natura nel Parco del Limbara

 

 

 

Si inaugura domenica 9 agosto 2020 (ore 11), presso il CEDAP di Tempio Pausania (SS), la prima edizione della rassegna Organica - percorsi del contemporaneo tra arte e natura nel Parco del Limbara a cura di Giannella Demuro, un progetto di arte contemporanea dedicato alla promozione e valorizzazione del patrimonio naturale, ambientale e paesaggistico del Parco del Limbara realizzato in collaborazione con il Comune di Tempio Pausania e il sostegno della Regione Sardegna.

Organica vuole essere un momento di “incontro” con i luoghi dell’Isola, un’occasione originale per scoprire la straordinaria bellezza di questa terra, dei suoi territori e dei suoi Parchi e, allo stesso tempo, vuole offrire spunti di riflessione sul complesso tema del rapporto tra uomo e ambiente naturale attraverso i linguaggi visivi del nostro tempo, esplorando il lavoro di artisti che dedicano un’attenzione particolare proprio al mondo della natura e alle tematiche ambientali e che rappresentano alcuni degli esiti più interessanti della ricerca visiva contemporanea in Sardegna.

Per questa prima edizione sono in programma da agosto a ottobre 2020 negli spazi del CEDAP, tre mostre personali degli artisti Antonio Bardino, Sabrina Oppo e Bruno Petretto.

Sarà Antonio Bardino, ad inaugurare la rassegna domenica 9 agosto (ore 11) con la mostra personale “Nature laterali”. Una tavolozza virata al verde per rappresentare un viaggio immersivo dentro una natura lussureggiante e inattesa, paesaggi infiniti, laterali, marginali, senza contorni e senza confini, squarci sfrangiati su scorci sospesi, grondanti di impercettibili variazioni cromatiche, liquide, aggrumate, o evanescenti, dove tutto è sospeso ma al contempo fluido e vibrante. Una pittura spiazzante che già dopo il primo sguardo ribalta ogni certezza, ogni effimera e precaria riconoscibilità. Un invito, in fondo, quello che l’artista offre al suo osservatore, a lasciarsi andare nel vortice di una natura inquieta, visionaria e immaginifica.

Tutti gli eventi di Organica si terranno sul Monte Limbara, negli spazi del CEDAP - Centro per la Documentazione sull’Ambiente e sul Paesaggio (loc. Curadureddu), nei dintorni di Tempio Pausania, raggiungibile a piedi, percorrendo uno dei tanti suggestivi sentieri che si inoltrano nei boschi del Limbara. La struttura del CEDAP, una moderna opera architettonica in granito dell’architetto Antonello Menicucci, recentemente inaugurata, accoglie l’Ufficio Turistico di Tempio ed è punto informativo per le attività escursionistiche, ambientali e culturali del territorio.

 

 

 

Organica - percorsi del contemporaneo tra arte e natura nel Parco del Limbara è un progetto dell’associazione culturale tramedarte, realizzato in collaborazione con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Tempio Pausania e il sostegno della Regione Sardegna.

 

 

mostra: Organica > percorsi del contemporaneo tra arte e natura nel Parco del Limbara

artisti: Antonio Bardino (9-26 agosto), Sabrina Oppo (29 agosto – 16 settembre), Bruno Petretto (19 settembre - 8 ottobre)

città: Tempio Pausania

sede: CEDAP Centro di Educazione e Documentazione Ambientale e Paesaggistica del Limbara (loc. Curadureddu)

date: 9 agosto – 8 ottobre 2020

orari: tutti i giorni 9.30 > 18.30

 

Faber Festival, il 31 luglio la rassegna dedicata a Fabrizio De Andrè

Presentazione libro "Prede inconsapevoli" di Francesco Cossu giovedi 23 luglio

Città di Tempio Pausania

Comune di Tempio Pausania
Piazza Gallura 3
07029 Tempio Pausania (SS)

 

079 679999
079 631859
 PEC Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Codici IPA Fatturazione Elettronica

P. Iva 00253250906

Social Networks