07/01/2012.Niente musica dopo le 2 ma la movida si ribella: «A Carnevale non si può»

TEMPIO. Un coro di no da bar e pub all’idea di vietare la musica dopo le 2 di notte anche durante la pazza sei giorni del Carnevale. La decisione, annunciata qualche giorno fa dall’assessore comunale al commercio Angelo Cossu, che faceva riferimento alle esigenze di quiete e ordine pubblici, ha trovato l’opposizione pressoché unanime degli esercenti dei pubblici esercizi tempiesi. Da Corso Matteotti, sino a Piazza Gallura tutti si dicono contrari all’interruzione.
 «Anziché esserci d’aiuto, l’amministrazione Frediani si schiera contro di noi - afferma Giuseppe Addis, proprietario dello Sporting, in piazza don Minzoni -. A Carnevale è stato sempre consentito di lavorare e noi lo abbiamo fatto nel pieno rispetto della comunità». Gli fa eco Alberto Pintus del Pausa Caffè, in corso Matteotti: «Solitamente non lavoro sino a tardi, ma a Carnevale ho sempre aperto, vista la grande richiesta che giunge dalla gran mole di persone in movimento durante la sei giorni. Sono sbalordito».
 «La decisione di Cossu - dice il titolare del Caffè del Corso, Angelo Ganau -, gustificata come richiesta delle forze dell’ordine, mi lascia interdetto. Ci stanno spezzando le gambe. La decisione è fuori da ogni logica commerciale, turistica e promozionale». Roberto Lorico, del Living, afferma che «questa è l’amministrazione dei paletti e dei divieti». Giampiero Bocco, gestore del piazza Italia Caffè: «Se “spengono” noi alle 2 devono spegnere anche il Cinema Giordo e il teatro tenda».
 «Spero che diano una proroga» dice Marcello Orecchioni, proprietario del Caffè della Piazza, di fronte al Comune. Conciso anche Tore Mandaresu, rappresentante di categoria, che afferma: «La nostra posizione rimane immutata: abbiamo già detto che l’amministrazione non può normare l’emissione sonora. La stessa infatti, come ben ha fatto notare nel suo intervento in Consiglio il capogruppo del Partito democratico, Tommaso Visicale, è regolata dal codice penale».
 E in serata è stata resa pubblica dalla Confcommercio Nord Sardegna una lettera inviata al sindaco Romeo Frediani e all’assessore al commercio Angelo Cossu, nella quale, dopo una serie di richiami a norme di legge che regolano la materia, si chiede all’amministrazione di non vietare in maniera genericala musica, ma intervenire solo nei confronti di chi non rispetti le regole.

Città di Tempio Pausania

Comune di Tempio Pausania
Piazza Gallura 3
07029 Tempio Pausania (SS)

 

079 679999
079 631859
 PEC Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Codici IPA Fatturazione Elettronica

P. Iva 00253250906

Social Networks