Fase cautelare: il Tar dà ragione al comune e conferma il provvedimento di revoca della concessione.

A confortare l’amministrazione  il dispositivo dell’ordinanza che , nel respingere la domanda cautelare proposta, afferma che «il provvedimento impugnato risulta motivato dalla constatata e comprovata incuria nella gestione, manutenzione e custodia del compendio».

Per effetto della mancata sospensione e fino alla fase conclusiva di merito in cui il giudice si pronuncerà sulla legittimità del provvedimento assunto dall’amministrazione guidata da Frediani, il Comune rientra  nella piena disponibilità del Compendio e potrà assumere ogni decisione circa  il suo utilizzo, oltre a riscuotere la fideiussione di 70 mila euro dell’Ati.

La decisione dell’amministrazione di rescindere il contratto con l’Associazione temporanea di imprese che nel 2008 aveva vinto la gara per la riqualificazione e valorizzazione turistica del compendio termale Pischinaccia-Rinaggiu è stata presa in seguito all’accertato stato di abbandono dell’area , anche in termini di mancata erogazione dei servizi. Area concessa per cinquanta anni rinnovabili per altri 50,  in modo da creare sviluppo e lavoro e rilanciare il turismo in citta’. Obiettivi oggetto della concessione che però non si sono mai materializzati.  A dimostrarlo  il totale abbandono della struttura che invece di essere arricchita e completata ha perso valore con un incalcolabile danno, economico e d’immagine,  per la città.

Il Comune,  rappresentato da Giuseppina Demuro, legale dell’ente, è soddisfatto di questa prima pronuncia preliminare che appoggia  la tesi  ampiamente documentata dalla difesa. In attesa della definizione del giudizio di primo grado che verterà sul merito e nella cui sede verrà valutata la conferma della legittimità dei provvedimenti del Comune,  l'ATI  potrà proporre appello avverso tale ordinanza cautelare al Consiglio di Stato nel tentativo di ribaltare il risultato.

Il Sindaco dichiara apertamente che avrebbe preferito che non si fosse mai andati dinanzi al Tar per questa vicenda il che avrebbe fatto intendere che la gestione cinquantennale affidata all'Ati sarebbe andata nella direzione auspicata da tutti i tempiesi.

Si tratta dunque della  fase iniziale di un processo preannunciato dal legale della controparte come piuttosto complesso. Non bisogna tuttavia minimizzare il decisivo risultato conseguito.  Di fatto e di diritto il comune è rientrato in possesso del compendio di cui è proprietario. Un primo risultato importante in attesa di vincere la partita finale, quella decisiva.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Siti Tematici

  • Servizio Civile Nazionale
  • SUAP
  • Comunas
  • Museo Bernardo De Muro
  • 1
  • 2

Seguici sui social network

  • seguici su Facebook
  • seguici su Twitter
  • seguici su YouTube
  • 1

Città di Tempio Pausania

Comune di Tempio Pausania
Piazza Gallura 3
07029 Tempio Pausania (SS)

 

079 679999
079 631859
 PEC Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Codici IPA Fatturazione Elettronica

P. Iva 00253250906

Social Networks