12/01/2012.I pazienti, assistiti dalle suore missionarie, sono parte viva della città

TEMPIO. La casa della Letizia è in città una vera e propria istituzione, molto amata dai tempiesi. In molti la visitano frequentemente e agli ospiti, persone con handicap psichici, spesso vengono portati regali soprattutto di natura gastronomica e giocattoli che fanno la loro felicità. I “ragazzi” della Casa della letizia (come comunemente vengono chiamati i “ricoverati” pur avendo molti di loro superato abbondantemente l’età giovanile), da decenni ormai sono parte integrante del tessuto cittadino. Partecipano alle cerimonie importanti, agli spettacoli e ai concerti; si recano allo stadio per la partite di calcio casalinghe del Tempio; e a loro è riservata una tribuna speciale durante le sfilate del Carnevale tempiese.
 Di ognuno di loro molti tempiesi conoscono nome e cognome. Quando nelle belle giornate, in fila per due, mano nella mano come i bambini, vengono accompagnati dagli educatori attraverso il centro storico per ammirare le vetrine e distrarsi, è tutto un salutarsi festoso con la gente che si ferma volentieri a parlare con loro. Pensare che qualcuno possa averli maltrattati in qualche modo, è come ricevere un pugno allo stomaco, un sospetto che lascia senza fiato.
 Nei primi anni Settanta, la Casa della letizia fu investita da un analogo episodio. I quattro imputati, riconosciuti in primo grado colpevoli, furono condannati ad otto mesi di reclusione. Assolti in appello, uscirono a testa alta dalla vicenda e la città tirò un sospiro di sollievo. C’è solo da sperare che anche stavolta la vicenda si risolva in un nulla di fatto. (a.m.)

Città di Tempio Pausania

Comune di Tempio Pausania
Piazza Gallura 3
07029 Tempio Pausania (SS)

 

079 679999
079 631859
 PEC Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Codici IPA Fatturazione Elettronica

P. Iva 00253250906

Social Networks